Home

Premio Ferrero 2016 Corsi di alfabetizzazione informatica Percorsi Nati per Leggere 2015/2016 La scuola va al museo 2015/2016 Museo Borsalino

Premio Ferrero 2016

Il premio è dedicato a tutti coloro che alla data del 20 settembre, termine della presentazione degli elaborati, avranno compiuto un’età compresa tra i 16 e i 35 anni.

E’ riservato agli autori di recensioni, saggi, e novità di questa edizione, anche…

Leggi...

Corsi di alfabetizzazione informatica

L’alfabetizzazione informatica entra in Biblioteca.

Dal prossimo mese di maggio prenderanno il via infatti una serie di corsi che hanno per obiettivo fornire, nell’ambito del programma di digitalizzazione del Comune di Alessandria, un’ampia panora…

Leggi...

Percorsi Nati per Leggere 2015/2016

Novità dell’anno scolastico 2015/2016 è l’introduzione di un pacchetto di percorsi dedicati alla promozione della lettura nella fascia di età 0-6 anni.
Un libro che avvicina i bambini più piccoli ai musei e alle loro storie.
Tutti i dettagli nelle …

Leggi...

La scuola va al museo 2015/2016

Sono pronti i percorsi didattici per l’anno scolastico 2015/2016 dei musei della città di Alessandria.
Visite guidate, laboratori, letture rivolti agli studenti della scuola dell’infanzia, scuola primaria e secondaria.
Tutti i dettagli all’interno …

Leggi...

Museo Borsalino

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Etiam a nulla nulla. Cras lorem nunc, aliquam in massa eu, viverra mattis ipsum. Nam sodales dui in sagittis feugiat. Proin neque nibh, condimentum eu sapien quis, fermentum tincidunt orci. Sed…

Leggi...

Le Categorie

Al museo con il cappello…Un viaggio tra emozioni e sentimenti - Museo del Cappello Borsalino

Al museo con il cappello…Un viaggio tra emozioni e sentimenti

Esposizione dei cappelli e dei lavori realizzati dalla Scuola dell’Infanzia manonellamano di Carbonara Scrivia

dal 28 maggio al 26 giugno 2016

“Galeotto fu il cappello”…così pot…

Leggi...

Lobbia

Classico cappello da uomo con l’ala rialzata e la piega centrale simile ad un ammaccatura, prende il nome dal deputato italiano Cristiano Lobbia, simbolo di lotta alla corruzione e al malaffare, impegnato nella battaglia contro lo scandalo del Monopo…

Leggi...

Cappelline

Le cloche in feltro rappresentano il primo stadio nel processo produttivo del cappello.

Esso avviene mediante aspirazione: il pelo per caduta si attacca ad un cono metallico che rotea all’interno di una campana e viene fissato definitivamente graz…

Leggi...

Paglietta o magiostrina

Paglietta o magiostrina, un modello che si indossava a partire dal mese di maggio e veniva dismesso tassativamente al tempo della vendemmia.

Indossato da personaggi noti e molto amati come Nino Taranto, con la sua caratteristica paglietta tagliuzz…

Leggi...

Panama

Conosciuto con questo nome perché indossato dal presidente degli Stati Uniti Theodore Roosevelt durante l’inaugurazione del Canale di Panama nel 1906, questo copricapo è intrecciato a mano con foglie disseccate di una palma chiamata “Toquilla” che cr…

Leggi...

Le Borsaline

Nei primi anni del ‘900 la meccanizzazione della produzione del cappello portò alla sostituzione dei maestri cappellai con personale meno qualificato, in particolare di genere femminile. Nasce così la figura della Borsalina, non solo operaia ma sopra…

Leggi...

Cilindro modello Gibus

Cilindro modello Gibus è il nome che identifica il rivoluzionario cappello a cilindro progettato nel 1812 dal cappellaio Monsieur Gibus . Grazie ad un ingegnoso sistema di sottilissime molle d’acciaio applicato all’interno della fodera era possibile …

Leggi...

Bombetta

Si tratta di un modello inventato nel ‘700 in Inghilterra ideato dal cappellaio londinese Bowler, nome con cui viene identificata in inglese. Venne inaugurata da William Cook con una passeggiata a cavallo nel parco.

Con calotta tonda e l’ala arric…

Leggi...

Il gatto e il galletto

In periodo rivoluzionario la satira svolge un ruolo importante.

In occasione del Trattato di Tolentino imposto da Bonaparte alla Santa Sede il 19 febbraio 1797, in base al quale il papa rinuncia ad alcuni territori e cede molte importanti opere d’…

Leggi...

I messaggi

La trasmissione segreta di notizie ed informazioni era già largamente utilizzata nel mondo antico. Le spie del periodo napoleonico utilizzavano dei sistemi più sofisticati ma ancora rudimentali, come quello di trasportare i messaggi nascosti nel tall…

Leggi...

Il contenuto di uno zaino

Le uniformi dell’epoca non hanno tasche e, di conseguenza, quello che il soldato porta con sé si trova nel suo zaino e nel suo tascapane.

Il Regolamento francese del 28 aprile 1800 prevedeva che lo zaino contenesse un insieme di oggetti e di utens…

Leggi...

Ratti. Fame e malattie.

Le cronache del tempo raccontano che durante l’assedio di Genova, la popolazione è obbligata a nutrirsi di ogni tipo di animale. Quando non si trovano più né cavalli, né cani, né gatti, si cominciano a mangiare i ratti.

I ratti e i topi pullulano …

Leggi...

L’Aquila

Dall’epoca più antica, l’aquila è il simbolo del potere e della vittoria militare.

L’Impero Austriaco e quello di Russia hanno sulle loro bandiere l’aquila a due teste, due teste che guardano una a sinistra e l’altra a destra e simbolizzano l’unio…

Leggi...

DAL DISEGNO AL CLICK

L’idea della mostra nasce al termine dell’inventariazione del fondo di grafica del pittore Giovanni Migliara (1785 – 1837) compiuta dai Volontari del Servizio Civile Nazionale, presso l’Assessorato ai Beni e Politiche Culturali nell’anno 2015/2016.

Leggi...

Opere inedite a Palazzo Cuttica

Il nuovo allestimento del Gabinetto delle Stampe Antiche e Moderne di Palazzo Cuttica ha lo scopo di promuovere la conoscenza di opere su carta, una parte delle collezioni finora non fruibile. Le opere esposte comprendono un eterogeneo gruppo di arti…

Leggi...

La chiave

E’ la Chiave della Città consegnata all’Imperatore Napoleone I, in occasione della sua venuta in Alessandria il 1 maggio 1805.

Napoleone, vittorioso a Marengo nel giugno del 1800, nominato Imperatore nel 1804, giunge in Italia per essere incoronat…

Leggi...

Il Presepe ligneo

Il presepe proviene da Trino Vercellese e si inserisce all’interno di una ricca produzione di anconette lignee lombarde, rappresentanti la Natività. Essa è opera di un anonimo scultore pavese proveniente dal marchesato Paleologo di Casale e risale al…

Leggi...

I Corali

I libri da coro fanno parte dell’originale complesso di 42 esemplari fatti eseguire a Roma da papa Pio V per il Convento di Santa Croce di Bosco Marengo.
Dopo la soppressione del Convento di Santa Croce, nel 1873, i corali miniati vennero nascosti. …

Leggi...

I fazzoletti patriottici

I fazzoletti patriottici, dipinti dal tenente Thappaz, amico e compagno di carcere di Andrea Vochieri riportano allegorie carbonare e motivi decorativi che si  rifanno a soluzioni più auliche come i racemi di vite ripresi da una pagina del Decamerone…

Leggi...

Il Polittico

Il Polittico è una tempera mista su tavola del 1400 opera del pittore astigiano Gandolfino da Roreto e rappresenta L”Incoronazione della Vergine”.

Il dipinto, in origine, si trovava sull’altare della famiglia Mola nella chiesa di San Francesco a B…

Leggi...

Il Piviale

Il capino del piviale del cardinale Christopher Bainbridge, morto a Roma nel 1514, ricamato in oro e sete policrome, riporta la scena della Conversione di San Paolo.

Secondo la tradizione, che sarebbe confermata da documenti secenteschi, il pivial…

Leggi...

Dame du Lac

Potreste chiamarmi Viviane, poco importerebbe, il mio nome si è perso nelle sabbie del tempo, e nessuno può più dire quando ebbi origine: forse ai tempi in cui greci e romani calcarono la terra. Il mio ultimo compito fu quello di accompagnare e vegli…

Leggi...

Ginevra

Forse fu amore che guidò tutti i miei passi; anche se sposa al mio sire Artù, fui legata al cavaliere che ordinai al mio servizio da una sincera e tragica storia d’amore. Più volte il mio amato paladino mi salvò da rapitori e pericoli orditi a mio di…

Leggi...

Lancillotto

Il mio nome, messere, è ser Lancelot. Cavaliere al servizio della regina Ginevra, presto il mio braccio agli ordini del suo consorte e sovrano Artù. Mille e mille sono le avventure che ho affidato alla memoria dei cantori: la mia spada ha difeso il r…

Leggi...

Artù

La responsabilità del regno cade sulle mie spalle: sono Re Artù. Mille nemici si aggirano ai confini delle mie terre e solo una mano ferma può averne ragione. Sono grato ai valorosi soldati e agli indomiti cavalieri che offrono la vita per il bene de…

Leggi...

"Piccoli paleontologi crescono" al Teatro delle Scienze

Ultimo appuntamento prima delle vacanze estive per “Le domeniche al Teatro delle Scienze”, iniziative e laboratori per i bambini e le loro famiglie che ogni seconda domenica del mese animano il museo insieme alle visite guidate al Planetario tenute d…

Leggi...

Farfalla

La farfalla è un insetto che, come le falene, appartiene all’ordine dei Lepidotteri. Le farfalle hanno abitudini generalmente diurne, hanno antenne clavate e chiudono le ali a libro in posizione di riposo. Quattro sono i principali stadi di un ciclo …

Leggi...

Ossidiana

L’ossidiana è un vetro vulcanico la cui formazione è dovuta al rapido raffreddamento della lava. All’interno dei vulcani le temperature e le pressioni sono così elevate da fondere i silicati dando origine al magma. La lava a contatto dell’aria, si ra…

Leggi...

Insetto stecco

Sono l’insetto stecco e mi trovo al Teatro delle Scienze in vari esemplari e dimensioni. Il mio nome mi descrive già ampiamente, ricordo proprio un piccolo ramo: infatti ho il corpo allungato, esile ma slanciato; le zampe sono lunghe e atte ad un mov…

Leggi...

Il Planetario

Sotto la cupola del Planetario puoi osservare la volta celeste di 2000 anni fa, oppure quella di stasera, ciò che si vede da casa tua o la porzione di cielo che si vede in Australia.

Puoi conoscere i pianeti del sistema solare ed il loro movimento…

Leggi...

Airone cinerino

L’Airone Cinerino esposto all’interno del diorama, appartiene alla fauna presente sulle sponde dei nostri fiumi, il Tanaro e il Bormida e nei territori limitrofi. Si ciba prevalentemente di molluschi, piccoli pesci, bisce d’acqua e insetti acquatici,…

Leggi...

Molare di un mammut

Il molare di mammut fossilizzato è stato rinvenuto a Pietra Marazzi, nelle immediate vicinanze di Alessandria, ha un diametro di circa 10 cm e dà l’idea della dimensione dell’animale a cui apparteneva, che poteva variare dai 3 ai 5 metri (altezza al …

Leggi...